Bangladesh: settore abbigliamento: rilasciare subito i leader sindacali arrestati!

Publié le par angeline351

Bangladesh: settore abbigliamento: rilasciare subito i leader sindacali arrestati!

In collaborazione con IndustriALL e UNI, le federazioni sindacali internazionali dell'industria e dei servizi all'avanguardia per migliorare i diritti dei lavoratori e la sicurezza nel settore dell'abbigliamento in Bangladesh, dopo il crollo della fabbrica di Rana Plaza nel 2013 che uccise più di 1.100 lavoratori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Almeno 26 attivisti e dirigenti sindacali del settore dell’abbigliamento sono stati arrestati in Bangladesh in un'allarmante regresso per i diritti dei lavoratori e per la democrazia nel Paese. 

Le forze di sicurezza hanno perquisito le case dei dirigenti sindacali e dei volontari, e molti si sono nascosti per timore per la loro incolumità. Gli uffici del sindacato in Ashulia, centro per la produzione di indumenti della capitale Dhaka, sono stati invasi, devastati e chiusi con la forza, i documenti che attestano l’adesione al sindacato e i mobili sono stati bruciati o confiscati. 

Dopo la richiesta di aumento dei salari nel mese di dicembre, sono stati licenziati più di 1.600 lavoratori e la polizia ha sporto denuncia contro 600 lavoratori e dirigenti sindacali.

Firma la petizione per fermare gli attacchi ai lavoratori dell’abbigliamento, per dire al governo del Bangladesh di rilasciare immediatamente i dirigenti e gli attivisti sindacali e assolverli da tutte le accuse contro di loro.


Sostieni questa campagna! Inserisci nome e indirizzo email, poi clicca su 'Invia il messaggio' in fondo a questa pagina. 
 
Nome: 
 [richiesto]
Indirizzo email: 
 [richiesto]
Sindacato/Organizzazione: 
Il tuo Paese: 

Inserisci qui il tuo messaggio – o usa quello esistente. 

Dear Prime Minister Sheikh Hasina

I am writing to ask that your government immediately release all detained garment trade union leaders and worker activists, and that any charges against them should be dropped. Wages in Bangladesh’s garment industry are among the lowest in the world. It is unacceptable that the demand to increase the minimum wage is met with arbitrary detentions, suspended production at 59 factories, the firing of well over 1,600 workers and police cases against 600 workers and trade union leaders. 
Garment workers in Bangladesh have the unequivocal right to organize and must be paid a living wage on which they can survive. I urge the government to immediately and unconditionally release the detained trade union leaders and activists, and drop the criminal cases against hundreds of garment workers.

 

https://www.labourstartcampaigns.net/show_campaign.cgi?c=3321

Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :

Commenter cet article